Il "Nuovo che avanza" ma chiude la storica libreria Croce


  • Ho letto stamani questa notizia ed ovviamente non potevo non condividere con chi mi conosce un pochino.

    Ha chiuso la famosa libreria Croce a Roma, ubicata in Corso Vittorio Emanuele, un tempo, sede e Tempio della Cultura a Roma, frequentata da Moravia, Pasolini e altri grandi scrittori del nostro Tempo.

    Al suo posto lo Store 23 del calciatore Materazzi e del cestita Mancinelli, almeno ci hanno evitato il Mc Donald., già perchè ormai siamo messi così.

    La crisi del settore, il nuovo che avanza in tema di libn (amazon; ebook etc), suona il de profondis a quel magico ed ormai antico mondo del recarsi in libreria, del sentire l'odore caratteristico dei libri, assaporare il silenzio e l'attenzione della scelta futura del testo.

    Forse sarò un inguaribile romantico, ma tutto questo a me manca già da Tempo, è il segno di un Tempo che passa inesorabile e trita tutto e Tutti, anche la Storica libreria di Remo Croce che l'aprì nel lontano 1945, quando si tentava la ricostruzione, dopo la tragedia del secondo conflitto mondiale.

    Che tristezza, Teatri che chiudono, libreria con le saracinesche abbassate, al loro posto: il puzzo degli hot dog spazzatura, patatine fritte e chincaglierie di scarsissima qualità.

    Sarà, ma preferivo tanto il Vecchio.

    Saluti

    Pink


    http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/07 ... i/1065373/
    Avatar utente
    pinkpanter
     
    Messaggi: 86
    Iscritto il: 02/03/2014, 9:12


  • Dai Buon Marco. In compenso nascono nuovi gruppi musicali e nuove collaborazioni, e noi siamo proprio nel centro del vero nuovo che avanza, come The Children di Children of The Grave dei Black Sabath: in modo incalzante e inesorabilmente:

    "Children of the grave

    Revolution in their minds
    the children start to march
    Against the world they have to live in
    Oh! the hate that’s in their hearts
    They’re tired of being pushed around
    and told just what to do
    They’ll fight the world
    until they’ve won
    and love comes flowing through

    Children of tomorrow
    live in the tears that fall today
    Will the sunrise of tomorrow
    bring in peace in any way
    Must the world live
    in the shadow of atomic fear
    Can they win the fight
    for peace or will they disappear?

    So you children of the world
    listen to what say
    If you want a better place to live
    in spread the world today
    Show the world that love is still alive
    you must be brave
    Or your children of today are
    children of the grave


    Bambini della tomba

    La rivoluzione nelle loro menti,
    i bambini incominciano a marciare
    Contro il mondo in cui devono vivere
    E l’odio che hanno nel cuore
    Sono stanchi di essere spintonati in giro
    e rimproverati su quello che devono fare
    Combatteranno il mondo
    finché non vinceranno
    e l’amore verrà giù fluente.

    I bambini di domani
    vivono nelle lacrime che cadono oggi
    Sorgerà il sole domani
    portando pace in qualunque caso?
    Il mondo deve vivere
    nell’ombra di paura dell’atomica?
    Sapranno vincere la battaglia
    per la pace o scompariranno?

    Allora bambini del mondo
    ascoltate quello che dico
    Se volete un posto migliore in cui vivere
    al posto del mondo odierno
    Mostrate al mondo che l’amore è ancora vivo
    ma dovrete essere coraggiosi,
    o voi bambini di oggi sarete
    bambini della tomba".

    Il finale è un po' scuro, ma il messaggio è di speranza.
    Baci G/Walter
    giovanni.digiovanno
     
    Messaggi: 530
    Iscritto il: 27/02/2014, 16:18
    Località: Roma


  • Walter non fraintendermi, sono sempre appassionato ed attento alle nuove tendenze musicali, editoriali, ma quando sento che chiude una libreria ed apre un Mc Donald o altro, mi girano enormemente. : WallBash :

    Anche io da tempo ho acquistato un e reader, ma proprio l'altro giorno sono passato in libreria per acquistare un testo
    cartaceo e sono già consapevole che tra qualche altro il mercato editoriale viaggerà su questi aggeggi elettronici, comodi, leggeri, multifunzione, ma l'odore della libreria è tutt'altra cosa.

    Saluti Pink
    Avatar utente
    pinkpanter
     
    Messaggi: 86
    Iscritto il: 02/03/2014, 9:12


  • Non ho frainteso. Ho capito bien, purtroppo. Ma sottolineavo solo che anche oggi qualcosa di buono esiste e nasce, anche se qualcosa di antico e bello finisce (e anche finisce male, purtroppo). Mi spiace per la libreria Croce, e anche per altri posti di Roma che stanno sparendo. Ma...
    ... Macheccacchioèunereader? ...
    Baci. G/Walter
    giovanni.digiovanno
     
    Messaggi: 530
    Iscritto il: 27/02/2014, 16:18
    Località: Roma



Torna a Discussioni generali




Informazione
  • Chi c’è in linea
  • Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite
cron