Marillion in Tour - ITALY


  • neverland ha scritto:
    davethespace ha scritto:Matteo e Neverland...per il MWE potete sempre entrare nella Lista d'Attesa e sperare che un sant'uomo (io : Chessygrin : ) vi raccomandi per scavalcare la fila... :lol: :lol: :lol:


    ecco...non immaginavo ci fosse questa possibilità... :mrgreen: :mrgreen:
    purtroppo il mio ostacolo è di un'unica natura... a quanto pare più insormontabile dello scavalcare la fila della Lista d'Attesa ;) .....
    Apprezzo comunque molto la tua offerta Dave, grazie.
    Domanda OT : ma la band a Cervia, tra un MWE e l'altro, non ci viene più ?



    Ciao Neverland...intanti precisiamo che la band intera a Cervia non è MAI venuta.
    Il nostro più caro frequentatore è God ma quest'anno sarà impossibile, visto che faranno QUATTRO MWE!!! :?
    Avatar utente
    davethespace
     
    Messaggi: 1662
    Iscritto il: 26/02/2014, 23:49


  • ivy ha scritto:Scherzetto!!! No, mia sorella e mio cognato erano seduti dietro a me ma tanto la faccia e la stasi sarebbe stata quella tranne nei momento in cui mi giravo con occhi assertivi come a dire "fighi eh? vi piace verooooo?" e leggevo nei loro occhi cose tipo "perchè non ti abbiamo sperduta come Pollicino nel bosco da bambina?". Ognuno ha le sue modalità di ascolto. Se tu fossi seduto accanto a me durante l'esecuzione di Invisible man vedresti una ad occhi spalancati, muta e immobile...se attaccassero Ocean Cloud vedresti una che piange a dirotto....durante la I serata al MWE io non sono riuscita a cantare una parola, a ballare mezza nota: ero la regina delle nevi, sotto shock, solo lacrime mi scendevano...il MWE è un'esperienza molto forte, qualcosa di estremamente gioioso e che ti pacifica col mondo universo (soprattutto coi suoi abitanti!) ma anche molto forte, non immediatamente gestibile a livello emozionale: per me è stato così. E per me alcune canzoni sono così a distanza di decenni. Magari la tipa accanto a te ha un rimestio di emozioni dentro ma è incapace di farle uscire oppure era lì solo per sostenere l'anima di colui/colei che accompagnava, un pò come chiedo io di fare al mio compagno e a mia sorella e cognato, come se non ce la facessi a gestire la cosa da sola, come se volessi che qualcuno che amo partecipasse a tutta la gioia e l'emozione che sento e la raccogliesse dai miei occhi quando mi giro a guardarli nel momento in cui mi sento più emozionata, come se volesis comunicare loro "ecco, io sono questa, sono anche questa, vorrei essere sempre e solo questa: emozione e gioia e sensazioni pure!", ecco...Insomma: magari la signora era una "dama di compagnia", una che non ama i Marillion ma ama fortemente la compagnia che l'ha costretta lì....oppure è una che ama i Marillion dentro e che magari non è abituata a darlo fuori.


    Ivy, ma per tua sorella e tuo cognato era il primo concerto? Le loro opinioni a fine concerto?
    hollowman
     
    Messaggi: 324
    Iscritto il: 17/05/2016, 19:48


  • MAtteRILLION ha scritto:
    PS: Che cattivona che sei Ivy, mi hai fatto prendere un colpo! :x : Chessygrin :


    POISON IVY 8-)
    The medium wave
    Brought signals here from far away
    Your tender voice riding on the sea spray
    Something in the air
    For those who know the signs
    Something in the air
    A storm..
    Avatar utente
    ivy
     
    Messaggi: 862
    Iscritto il: 27/02/2014, 22:31


  • hollowman ha scritto:
    Ivy, ma per tua sorella e tuo cognato era il primo concerto? Le loro opinioni a fine concerto?


    Iniziamo con ordine: io e mia sorelal abbiamo iniziato a seguire i Marillion assieme nel 1989...colpa Hogarth, perchè le cose van dette come sono...l'unico ricordo che ho di quell'anno è che a mia sorella piaceva moltissimo The Space. Poi mia sorella si è data anima e corpo agli U2 e ha mollato....da decenni ha mollato anche quelli...non è mai stata una "musicara"diremmo a Roma...
    Mia sorelal e mio cognato sono stati arruolati già come battimani al concerto di Hogarth all'Auditorium: la cosa figa è che gli tocca starsene sempre seduti davanti, non possono manco nascondersi. Poveretti! Non era pertanto la I volta che mi accontentavano ed accompagnavano. Dei due la cosa che han gradito di più, anzi credo abbiamo proprio gradito, è stato il set di H con le Rane. Mio cognato ha candidamente ammesso che gli è piaciuto. Come stavolta ha candidamente ammesso che, non conoscendo i brani dei Marillion (ma guarda un pò, due del malefico trio le conosceva: argggggghhhhh!!!) gli è risultato difficile a volume tanto alto gustarsi e "capire" i brani. Però la magliettina FEAR se la sono messa. Il fatto che mi accontentino in questo è per me di inestimabile valore: io voglio che chi amo mi veda stare bene, mi veda nei momenti migliori, mi veda con lacrime di gioia negli occhi e con uno stato di ebbrezza psicologica e non alcolica in corpo tale da capire che quella parte di me che non esce mai (in genere sono una precisina, puntualina, compostina, rompicoglioncina) non solo esiste ma è ancora forte, potente, viva. E il fatto che loro sian lì con me a farsi spaccare le orecchie e a scuoter la testa vedendomi eccessivamente persa, esaltata, sorridente, vitale (non mi agito io, non ballo...piango, urlo, ma soprattutto mi brillano gli occhi!) è il loro modo di dirmi "nonostante questo (scherzo!) noi ti amiamo"...ed è lo stesso per me nei loro riguardi...è un pò come andare a vedere il proprio nipotino o il proprio figlio alle gare di nuoto: io non ho nipoti, io non ho figli ma ho me stessa e questa di passione e voglio mi si veda dimostrare questa passione. Stessa cosa con il mio compagno: si è sorbito a fatica il mio (e suo MWE), spero lo farà con il prossimo: ho bisogno di lui, paradossalmente andar da sola non sarebbe la stessa cosa, per i motivi sopra esposti. Lo so che è un discorso un pò difficile da capire per voi, difficile da spiegare per me...
    The medium wave
    Brought signals here from far away
    Your tender voice riding on the sea spray
    Something in the air
    For those who know the signs
    Something in the air
    A storm..
    Avatar utente
    ivy
     
    Messaggi: 862
    Iscritto il: 27/02/2014, 22:31


  • davethespace ha scritto:
    neverland ha scritto:
    davethespace ha scritto:Matteo e Neverland...per il MWE potete sempre entrare nella Lista d'Attesa e sperare che un sant'uomo (io : Chessygrin : ) vi raccomandi per scavalcare la fila... :lol: :lol: :lol:


    ecco...non immaginavo ci fosse questa possibilità... :mrgreen: :mrgreen:
    purtroppo il mio ostacolo è di un'unica natura... a quanto pare più insormontabile dello scavalcare la fila della Lista d'Attesa ;) .....
    Apprezzo comunque molto la tua offerta Dave, grazie.
    Domanda OT : ma la band a Cervia, tra un MWE e l'altro, non ci viene più ?



    Ciao Neverland...intanti precisiamo che la band intera a Cervia non è MAI venuta.
    Il nostro più caro frequentatore è God ma quest'anno sarà impossibile, visto che faranno QUATTRO MWE!!! :?


    Ah ok, ho capito, grazie.
    Niente, buca anche questa allora :mrgreen:
    Avatar utente
    neverland
     
    Messaggi: 77
    Iscritto il: 06/05/2016, 8:19
    Località: Lecco


  • ivy ha scritto:
    hollowman ha scritto:
    Ivy, ma per tua sorella e tuo cognato era il primo concerto? Le loro opinioni a fine concerto?


    Iniziamo con ordine: io e mia sorelal abbiamo iniziato a seguire i Marillion assieme nel 1989...colpa Hogarth, perchè le cose van dette come sono...l'unico ricordo che ho di quell'anno è che a mia sorella piaceva moltissimo The Space. Poi mia sorella si è data anima e corpo agli U2 e ha mollato....da decenni ha mollato anche quelli...non è mai stata una "musicara"diremmo a Roma...
    Mia sorelal e mio cognato sono stati arruolati già come battimani al concerto di Hogarth all'Auditorium: la cosa figa è che gli tocca starsene sempre seduti davanti, non possono manco nascondersi. Poveretti! Non era pertanto la I volta che mi accontentavano ed accompagnavano. Dei due la cosa che han gradito di più, anzi credo abbiamo proprio gradito, è stato il set di H con le Rane. Mio cognato ha candidamente ammesso che gli è piaciuto. Come stavolta ha candidamente ammesso che, non conoscendo i brani dei Marillion (ma guarda un pò, due del malefico trio le conosceva: argggggghhhhh!!!) gli è risultato difficile a volume tanto alto gustarsi e "capire" i brani. Però la magliettina FEAR se la sono messa. Il fatto che mi accontentino in questo è per me di inestimabile valore: io voglio che chi amo mi veda stare bene, mi veda nei momenti migliori, mi veda con lacrime di gioia negli occhi e con uno stato di ebbrezza psicologica e non alcolica in corpo tale da capire che quella parte di me che non esce mai (in genere sono una precisina, puntualina, compostina, rompicoglioncina) non solo esiste ma è ancora forte, potente, viva. E il fatto che loro sian lì con me a farsi spaccare le orecchie e a scuoter la testa vedendomi eccessivamente persa, esaltata, sorridente, vitale (non mi agito io, non ballo...piango, urlo, ma soprattutto mi brillano gli occhi!) è il loro modo di dirmi "nonostante questo (scherzo!) noi ti amiamo"...ed è lo stesso per me nei loro riguardi...è un pò come andare a vedere il proprio nipotino o il proprio figlio alle gare di nuoto: io non ho nipoti, io non ho figli ma ho me stessa e questa di passione e voglio mi si veda dimostrare questa passione. Stessa cosa con il mio compagno: si è sorbito a fatica il mio (e suo MWE), spero lo farà con il prossimo: ho bisogno di lui, paradossalmente andar da sola non sarebbe la stessa cosa, per i motivi sopra esposti. Lo so che è un discorso un pò difficile da capire per voi, difficile da spiegare per me...


    Ah..ah....insomma li hai sequestrati!!!
    No ivy non è affatto difficile comprendere...anzi è molto logico e vero.
    Mia moglie è patita per i radiohead ma non disdegna affatto anche i nostri!! Non è sicuramente "malata cronica" come me , ma li apprezza molto. E' venuta con me all'auditorium (oltretutto il 12 sett. era il mio compleanno e i biglietti sono stati il suo regalo) e le sue parole dopo l'esecuzione di Estonia sono state: "mamma mia mi ha fatto venire i brividi" (grazie anche ad Essence & co.). Lei ama molto Hogarth come artista, il suo continuo "studiare" e logicamente la sua ugola!!!
    Quindi comprendo benissimo l'importanza del condividere una passione con qualcuno di importante!!!
    Mi ha chiesto......."ma chi erano tutte quelle persone con una "strana maglietta blu" ed io ho semplicemente risposto: l'amore!!
    hollowman
     
    Messaggi: 324
    Iscritto il: 17/05/2016, 19:48


  • hollowman ha scritto:Mi ha chiesto......."ma chi erano tutte quelle persone con una "strana maglietta blu" ed io ho semplicemente risposto: l'amore!!


    :downsbravo: :downsbravo: :downsbravo: :downsbravo: :downsbravo: :downsbravo:
    Avatar utente
    davethespace
     
    Messaggi: 1662
    Iscritto il: 26/02/2014, 23:49


  • Ho visto che ne avete già parlato, ma se non vi dispiace ci ritorno.
    Alla fine del concerto di Verona non mi è piaciuto il gesto di Mosley di non salutare il pubblico come invece ha fatto il resto del gruppo.
    Magari avrà avuto i suoi buoni motivi, a me però ha lasciato un pò di amaro in bocca.
    Voi come la pensate?
    Gianni68
     
    Messaggi: 11
    Iscritto il: 26/10/2016, 21:10


  • Quando il bagno chiama a volte bisogna correre. :lol: :lol:
    Avatar utente
    charlie
     
    Messaggi: 27
    Iscritto il: 05/03/2014, 0:02
    Località: san vincenzo livorno


  • Gianni68 ha scritto:Ho visto che ne avete già parlato, ma se non vi dispiace ci ritorno.
    Alla fine del concerto di Verona non mi è piaciuto il gesto di Mosley di non salutare il pubblico come invece ha fatto il resto del gruppo.
    Magari avrà avuto i suoi buoni motivi, a me però ha lasciato un pò di amaro in bocca.
    Voi come la pensate?


    Mosley è un personaggio tutto a sé, non fa davvero testo.
    Forse - e lo dico NON come fosse antipatico - è davvero l'unica rockstar della band.
    E' il più difficile da intercettare, parla poco ma quando lo fa spesso ti sega in due, ha un umorismo affilatissimo, è schivo, e se può andarsene il più in fretta possibile, lo fa.

    Nel backstage di Verona stavamo tutti parlando amabilmente e lui all'improvviso decide che è tardi e che bisogna andare in hotel. Prende Lucy, chiama l'autista che avevamo messo a loro disposizione in quei giorni e se ne va.
    Per farvi caopire meglio il personaggio, ecco un'aneddoto che mi raccontò H e che ancora mi fa ridere:
    Mosley odia il caldo e mette aria condizionata a palla OVUNQUE si trovi. Va in Egitto con Lucy, occhiali da sole d'ordinanza incollati al naso.
    Noleggia una limousine con autista e la fa arrivare il più vicino possibile alle piramidi. La Limo si ferma, lui abbassa il finestrino di DIECI CENTIMENTRI, cala gli occhiali sulla punta del naso, guarda fuori e fa:
    "Belle. Parti torniamo in hotel..."
    :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:
    Avatar utente
    davethespace
     
    Messaggi: 1662
    Iscritto il: 26/02/2014, 23:49

PrecedenteProssimo


Torna a Live




Informazione
  • Chi c’è in linea
  • Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite