PREMIER GIG RAH

07/04/2018, 9:07

  • Secondo me il discorso è più ampio.
    Immagino sempre lo sbattimento e le difficoltà che Dave deve affrontare per organizzare determinati eventi.
    Ivy tu parli di Scandinavia....ma l'Italia è messa moooolto peggio. Non si tratta di fanclub o singole iniziative...ma di mentalità, strutture, burocrazia etcc.
    L' Italia in ambito cinematografico e musicale è pari ad un paese del terzo mondo.
    Prendi produzioni straniere di blu ray e dvd. Lo sai quale unica lingua manca come audio e sottotitoli? A volte viene da ridere è presente anche il rumeno, il mandarino ma della lingua italiana nessuna traccia. Senza parlare della completa assenza di tanti film che all'estero sono usciti regolarmente (addirittura film italiani che da noi non escono).
    Parliamo di Scandinavia: quanti gruppi prog sono regolarmente pubblicizzati ed escono su case discografiche di rispetto: Pain of Salvation, Kaipa etcc..
    Pensiamo invece a Riccardo e le sue "frog" e alle difficolta' che deve incontrare ogni volta!!! Vogliamo parlare della SIAE? Quali strutture decenti offre una citta' come Roma per sentire concerti? Quante sale cinema sistemate con apparecchiature nuove ci sono? Quasi il....nulla!!!
    .....organizzare facilmente un evento Marillion-Cinema da noi....mi viene purtroppo da ridere!!! È tutto nelle mani di singole coraggiose persone!!
    hollowman
     
    Messaggi: 341
    Iscritto il: 17/05/2016, 19:48

07/04/2018, 9:11

  • hollowman ha scritto:Secondo me il discorso è più ampio.
    Immagino sempre lo sbattimento e le difficoltà che Dave deve affrontare per organizzare determinati eventi.
    Ivy tu parli di Scandinavia....ma l'Italia è messa moooolto peggio. Non si tratta di fanclub o singole iniziative...ma di mentalità, strutture, burocrazia etcc.
    L' Italia in ambito cinematografico e musicale è pari ad un paese del terzo mondo.
    Prendi produzioni straniere di blu ray e dvd. Lo sai quale unica lingua manca come audio e sottotitoli? A volte viene da ridere è presente anche il rumeno, il mandarino ma della lingua italiana nessuna traccia. Senza parlare della completa assenza di tanti film che all'estero sono usciti regolarmente (addirittura film italiani che da noi non escono).
    Parliamo di Scandinavia: quanti gruppi prog sono regolarmente pubblicizzati ed escono su case discografiche di rispetto: Pain of Salvation, Kaipa etcc..
    Pensiamo invece a Riccardo e le sue "frog" e alle difficolta' che deve incontrare ogni volta!!! Vogliamo parlare della SIAE? Quali strutture decenti offre una citta' come Roma per sentire concerti? Quante sale cinema sistemate con apparecchiature nuove ci sono? Quasi il....nulla!!!
    .....organizzare facilmente un evento Marillion-Cinema da noi....mi viene purtroppo da ridere!!! È tutto nelle mani di singole coraggiose persone!!

    Tra l'altro, ora che ci penso, la Scandinavia è l'unica ad avere un fanclub delle Rane!
    Un abbraccio

    Junior
    We are parties that travel
    Movies that move
    We will make a show
    And then we'll go
    We are the Leavers
    Avatar utente
    MAtteRILLION
     
    Messaggi: 428
    Iscritto il: 04/10/2016, 10:55
    Località: Pinerolo, (To)

07/04/2018, 9:13

  • anorak71 ha scritto:
    MAtteRILLION ha scritto:Tu pensa a liberarti per 4-5 giorni per Marzo-Aprile dell'anno prossimo, che c'è da andare nel Fantastic Place... non sarà la Scandinavia, ma sarà MEGLISSIMO. Capisciammè... ;) ;) ;)

    Beh Anorak, quello è sottinteso!! : Chessygrin : : Groupwave : : Groupwave : se sono in grado di organizzare il tutto... :oops:
    Un abbraccio

    Junior


    Tranquillo, organizza tutto Davide. Tu comincia a pensare a una password. Tra un mesetto capirai anche il perché.

    : Groupwave : : Groupwave : : Groupwave : : Groupwave : : Groupwave :
    Un abbraccio

    Junior
    We are parties that travel
    Movies that move
    We will make a show
    And then we'll go
    We are the Leavers
    Avatar utente
    MAtteRILLION
     
    Messaggi: 428
    Iscritto il: 04/10/2016, 10:55
    Località: Pinerolo, (To)

07/04/2018, 11:36

  • hollowman ha scritto:Secondo me il discorso è più ampio.
    Immagino sempre lo sbattimento e le difficoltà che Dave deve affrontare per organizzare determinati eventi.
    Ivy tu parli di Scandinavia....ma l'Italia è messa moooolto peggio. Non si tratta di fanclub o singole iniziative...ma di mentalità, strutture, burocrazia etcc.
    L' Italia in ambito cinematografico e musicale è pari ad un paese del terzo mondo.
    Prendi produzioni straniere di blu ray e dvd. Lo sai quale unica lingua manca come audio e sottotitoli? A volte viene da ridere è presente anche il rumeno, il mandarino ma della lingua italiana nessuna traccia. Senza parlare della completa assenza di tanti film che all'estero sono usciti regolarmente (addirittura film italiani che da noi non escono).
    Parliamo di Scandinavia: quanti gruppi prog sono regolarmente pubblicizzati ed escono su case discografiche di rispetto: Pain of Salvation, Kaipa etcc..
    Pensiamo invece a Riccardo e le sue "frog" e alle difficolta' che deve incontrare ogni volta!!! Vogliamo parlare della SIAE? Quali strutture decenti offre una citta' come Roma per sentire concerti? Quante sale cinema sistemate con apparecchiature nuove ci sono? Quasi il....nulla!!!
    .....organizzare facilmente un evento Marillion-Cinema da noi....mi viene purtroppo da ridere!!! È tutto nelle mani di singole coraggiose persone!!

    Guarda, Hollowman che condivido la scelta fatta da Davide sapendo quanto la "baracca Italia" sia una specie di elefante dormiente. Ciò che non condivido è il non sapere certe cose (son in un fanclub per cui vorrei sapere dal fanclub e non per caso cosa bolle in pentola o cosa in pentola si fredda!), aver "timore" di esser idealmente fatti fuori (da loro non dal "mio" fanclub), sapere i meccanismi al di sotto. Ripeto che il Capo ha fatto bene a scartare a priori l'inutile impresa faraonica ma sempre A MIO AVVISO, siccome noi elefanti dormienti stiamo sempre a ronfare (traduzione: sonnecchiare rumorosamente!) un bello schiaffone metaforico tipo "Oh, truppa. E' stato proposto questo e abbiamo poco tempo. Quanti ci starebbero? E dove? E qualcuno può aiutarmi?" sentirsi dire l'ennesimo no, anzi vedere che tutti e 200 rimaniamo inamovibili e disinteressati senza comunicarlo, darebbe ancora a noi stessi (il Capo purtroppo lo sa da sola, difatti manco ci dice certe cose, vedi?) il polso di quanto siamo poco coesi: si dice in coro NO GRAZIE LA SPESA NON VALE L'IMPRESA MA GRAZIE DI AVERCI PROVATO oppure si dice SI e ci si conta prendendo poi magari decisione opposta (per il NO). Decisione sempre che prende il Capo e il direttivo, mica io o te. Insomma a me avrebbe fatto piacere sapere che c'era 1 possibilità su 1000, che AL SOLITO su 200 iscritti in 20 avremmo scritto "no grazie", "si grazie", sentirmi un pippone autorizzatissimo di chi sarebbe intervenuto a dirci "E che cavoli, io mi sbatto e a voi vi pesa pure digitare sulla tastiera?" (cito una per tutte la storia della traduzione dei diari di H, ecco!).
    Insomma, ci riprovo a far capire cosa intendevo: IO TROVO MOOOOOOOOLTO TRISTE CHE IL CAPO A PRIORI SAPPIA CHE NOI MANCO AGLI SCANDINAVI ARRIVIAMO PERTANTO EVITA PROPRIO DI INCAZZARSI PERCHE' NEANCHE IN MAIL GLI RISPONDERENNO UN SI O NO.... e ripeto, solo 200 siamo! Con questo sempre onori al Capo, con questo sempre sai che me ne frega, il dvd me lo vedo comoda a casa...
    Spiegata mi sono? :Blink :roll: : Chessygrin :
    The medium wave
    Brought signals here from far away
    Your tender voice riding on the sea spray
    Something in the air
    For those who know the signs
    Something in the air
    A storm..
    Avatar utente
    ivy
     
    Messaggi: 868
    Iscritto il: 27/02/2014, 22:31

07/04/2018, 13:46

  • ivy ha scritto:
    hollowman ha scritto:Secondo me il discorso è più ampio.
    Immagino sempre lo sbattimento e le difficoltà che Dave deve affrontare per organizzare determinati eventi.
    Ivy tu parli di Scandinavia....ma l'Italia è messa moooolto peggio. Non si tratta di fanclub o singole iniziative...ma di mentalità, strutture, burocrazia etcc.
    L' Italia in ambito cinematografico e musicale è pari ad un paese del terzo mondo.
    Prendi produzioni straniere di blu ray e dvd. Lo sai quale unica lingua manca come audio e sottotitoli? A volte viene da ridere è presente anche il rumeno, il mandarino ma della lingua italiana nessuna traccia. Senza parlare della completa assenza di tanti film che all'estero sono usciti regolarmente (addirittura film italiani che da noi non escono).
    Parliamo di Scandinavia: quanti gruppi prog sono regolarmente pubblicizzati ed escono su case discografiche di rispetto: Pain of Salvation, Kaipa etcc..
    Pensiamo invece a Riccardo e le sue "frog" e alle difficolta' che deve incontrare ogni volta!!! Vogliamo parlare della SIAE? Quali strutture decenti offre una citta' come Roma per sentire concerti? Quante sale cinema sistemate con apparecchiature nuove ci sono? Quasi il....nulla!!!
    .....organizzare facilmente un evento Marillion-Cinema da noi....mi viene purtroppo da ridere!!! È tutto nelle mani di singole coraggiose persone!!

    Guarda, Hollowman che condivido la scelta fatta da Davide sapendo quanto la "baracca Italia" sia una specie di elefante dormiente. Ciò che non condivido è il non sapere certe cose (son in un fanclub per cui vorrei sapere dal fanclub e non per caso cosa bolle in pentola o cosa in pentola si fredda!), aver "timore" di esser idealmente fatti fuori (da loro non dal "mio" fanclub), sapere i meccanismi al di sotto. Ripeto che il Capo ha fatto bene a scartare a priori l'inutile impresa faraonica ma sempre A MIO AVVISO, siccome noi elefanti dormienti stiamo sempre a ronfare (traduzione: sonnecchiare rumorosamente!) un bello schiaffone metaforico tipo "Oh, truppa. E' stato proposto questo e abbiamo poco tempo. Quanti ci starebbero? E dove? E qualcuno può aiutarmi?" sentirsi dire l'ennesimo no, anzi vedere che tutti e 200 rimaniamo inamovibili e disinteressati senza comunicarlo, darebbe ancora a noi stessi (il Capo purtroppo lo sa da sola, difatti manco ci dice certe cose, vedi?) il polso di quanto siamo poco coesi: si dice in coro NO GRAZIE LA SPESA NON VALE L'IMPRESA MA GRAZIE DI AVERCI PROVATO oppure si dice SI e ci si conta prendendo poi magari decisione opposta (per il NO). Decisione sempre che prende il Capo e il direttivo, mica io o te. Insomma a me avrebbe fatto piacere sapere che c'era 1 possibilità su 1000, che AL SOLITO su 200 iscritti in 20 avremmo scritto "no grazie", "si grazie", sentirmi un pippone autorizzatissimo di chi sarebbe intervenuto a dirci "E che cavoli, io mi sbatto e a voi vi pesa pure digitare sulla tastiera?" (cito una per tutte la storia della traduzione dei diari di H, ecco!).
    Insomma, ci riprovo a far capire cosa intendevo: IO TROVO MOOOOOOOOLTO TRISTE CHE IL CAPO A PRIORI SAPPIA CHE NOI MANCO AGLI SCANDINAVI ARRIVIAMO PERTANTO EVITA PROPRIO DI INCAZZARSI PERCHE' NEANCHE IN MAIL GLI RISPONDERENNO UN SI O NO.... e ripeto, solo 200 siamo! Con questo sempre onori al Capo, con questo sempre sai che me ne frega, il dvd me lo vedo comoda a casa...
    Spiegata mi sono? :Blink :roll: : Chessygrin :

    :downsbravo: :downsbravo: :downsbravo: :downsbravo: :downsbravo: :downsbravo:
    Un abbraccio

    Junior
    We are parties that travel
    Movies that move
    We will make a show
    And then we'll go
    We are the Leavers
    Avatar utente
    MAtteRILLION
     
    Messaggi: 428
    Iscritto il: 04/10/2016, 10:55
    Località: Pinerolo, (To)

07/04/2018, 17:53

  • ivy ha scritto:
    hollowman ha scritto:Secondo me il discorso è più ampio.
    Immagino sempre lo sbattimento e le difficoltà che Dave deve affrontare per organizzare determinati eventi.
    Ivy tu parli di Scandinavia....ma l'Italia è messa moooolto peggio. Non si tratta di fanclub o singole iniziative...ma di mentalità, strutture, burocrazia etcc.
    L' Italia in ambito cinematografico e musicale è pari ad un paese del terzo mondo.
    Prendi produzioni straniere di blu ray e dvd. Lo sai quale unica lingua manca come audio e sottotitoli? A volte viene da ridere è presente anche il rumeno, il mandarino ma della lingua italiana nessuna traccia. Senza parlare della completa assenza di tanti film che all'estero sono usciti regolarmente (addirittura film italiani che da noi non escono).
    Parliamo di Scandinavia: quanti gruppi prog sono regolarmente pubblicizzati ed escono su case discografiche di rispetto: Pain of Salvation, Kaipa etcc..
    Pensiamo invece a Riccardo e le sue "frog" e alle difficolta' che deve incontrare ogni volta!!! Vogliamo parlare della SIAE? Quali strutture decenti offre una citta' come Roma per sentire concerti? Quante sale cinema sistemate con apparecchiature nuove ci sono? Quasi il....nulla!!!
    .....organizzare facilmente un evento Marillion-Cinema da noi....mi viene purtroppo da ridere!!! È tutto nelle mani di singole coraggiose persone!!

    Guarda, Hollowman che condivido la scelta fatta da Davide sapendo quanto la "baracca Italia" sia una specie di elefante dormiente. Ciò che non condivido è il non sapere certe cose (son in un fanclub per cui vorrei sapere dal fanclub e non per caso cosa bolle in pentola o cosa in pentola si fredda!), aver "timore" di esser idealmente fatti fuori (da loro non dal "mio" fanclub), sapere i meccanismi al di sotto. Ripeto che il Capo ha fatto bene a scartare a priori l'inutile impresa faraonica ma sempre A MIO AVVISO, siccome noi elefanti dormienti stiamo sempre a ronfare (traduzione: sonnecchiare rumorosamente!) un bello schiaffone metaforico tipo "Oh, truppa. E' stato proposto questo e abbiamo poco tempo. Quanti ci starebbero? E dove? E qualcuno può aiutarmi?" sentirsi dire l'ennesimo no, anzi vedere che tutti e 200 rimaniamo inamovibili e disinteressati senza comunicarlo, darebbe ancora a noi stessi (il Capo purtroppo lo sa da sola, difatti manco ci dice certe cose, vedi?) il polso di quanto siamo poco coesi: si dice in coro NO GRAZIE LA SPESA NON VALE L'IMPRESA MA GRAZIE DI AVERCI PROVATO oppure si dice SI e ci si conta prendendo poi magari decisione opposta (per il NO). Decisione sempre che prende il Capo e il direttivo, mica io o te. Insomma a me avrebbe fatto piacere sapere che c'era 1 possibilità su 1000, che AL SOLITO su 200 iscritti in 20 avremmo scritto "no grazie", "si grazie", sentirmi un pippone autorizzatissimo di chi sarebbe intervenuto a dirci "E che cavoli, io mi sbatto e a voi vi pesa pure digitare sulla tastiera?" (cito una per tutte la storia della traduzione dei diari di H, ecco!).
    Insomma, ci riprovo a far capire cosa intendevo: IO TROVO MOOOOOOOOLTO TRISTE CHE IL CAPO A PRIORI SAPPIA CHE NOI MANCO AGLI SCANDINAVI ARRIVIAMO PERTANTO EVITA PROPRIO DI INCAZZARSI PERCHE' NEANCHE IN MAIL GLI RISPONDERENNO UN SI O NO.... e ripeto, solo 200 siamo! Con questo sempre onori al Capo, con questo sempre sai che me ne frega, il dvd me lo vedo comoda a casa...
    Spiegata mi sono? :Blink :roll: : Chessygrin :


    Ciao Ivy....ti eri spiegata anche prima!!! : Thumbup :
    Il mio commento è un semplice " mettere il dito sulla piaga"
    Lo sai cosa mi fa imbestialire? Il fatto che in Italia devono essere sempre delle persone a far muovere una citta' e mai la città a prendere iniziative e metterle a disposizione delle persone.
    All'estero le citta' si sentono orgogliose di presentare eventi del genere; per le nostre città sono invece solo rotture di palle.
    Vai a Londra e la trovi tappezzata di cartelli di eventi cinematografici,teatrali e musicali. Da noi?
    Onestamente a Roma quanti cartelli pubblicitari del concerto dei nostri all'Auditorium hai visto in giro?
    Io uno: quello davanti all'Auditorium : WallBash :
    hollowman
     
    Messaggi: 341
    Iscritto il: 17/05/2016, 19:48

07/04/2018, 19:23

  • ivy ha scritto:
    giovanni.digiovanno ha scritto:Io sono sincero: andare al cinema a vedere un DVD me pare 'na cazzata ... Se voglio me compro il DVD che se lo vediamo in 3 al cinema già mi è costato di più che comprare e avere il DVD. Gli scandinavi probabilmente hanno preso troppo freddo in testa e je va bene ... De gustibus.
    La morale, pertanto, cara Ivy, è: MA CHE TE FREGA DEL CINEMA?! Come quelli che non essendo potuti andare, come non sono potuto andare io, a vedere Gilmour a Pompei (costava un botto!!! je piasse un botto!!!) si vedono il film al cinema ... cantando come se fossero al concerto: provate a chidergli una canzone, vedete se vi risponde, va ...
    Piuttosto: parlo contro i miei interessi perché vivo a Roma e su Milano mi organizzo sempre bene: APRIAMO LA "QUESTIONE MERIDIONALE": un concerto a Napoli, per agevolare i fan di giù : Cheers : ?
    (e poi, Ivy, avresti portato il tuo figo pure al cinema ? te la rischi, eh? quello prima o poi ti ci manda in scandinavia :D )
    Baci
    Walter

    Forse non si è colto dove puntavo l'arco:
    1) volevo sapere se il livello di coinvolgimento della band verso di noi o l'autocoinvolgimento dei vari fanclub verso di loro (non sapevo se loro avessero chiesto o i direttivi dei club avessero proposto) fosse identico: la scelta di Davide è condivisibile dato che qui si fa fatica persino a far tirar fuori due parole agli iscritti ma mi pareva strano il suo silenzio in merito, la non condivisione di una cosa che poteva essere ma che effettivamente è: sarò idiota io ma dato che non sono una fan dei Marillion ma una fan iscritta al fanclub dei Marillion vorrei sapere cosa c'è sotto, sopra e dentro certe scelte. Ovvio che se la proiezione si faceva a Milano neanche io magari andavo, che c'entra ma mi chiedo sempre: ahò, quelle quattro renne degli Scandinavi son riusciti a radunarsi e noi manco lo siamo venuti a sapere! ironizzo sugli scandinavi proprio perchè non penso siano messi meglio a distanze e a n. di iscritti, diversamente se si parla di proiezioni in altre posti tipo UK o Germania, li le raduni presto magari 100 persone. Ribadisco però che è chiaro che la scelta fatta pur nella nostra totale disconoscenza della cosa è approvabile, condivisibile, giusta.
    2) me ne frega una beneamata cippalippa di vedere al cinema un dvd che ho già preordinato: mi importa dell'aggregazione e dell'empatia che si crea. Io c'ho sta fissa, scusate: adoro guardare tutti gli occhi puntati in una direzione, adoro guardare emozioni molto simili che escono da tutti gli occhi che vedo, adoro scontrarmi con occhi che dicono la stessa cosa che dicono i miei anche fossero di persone che non conosco e neanche saluto! Si chiama empatia, si chiama condivisione, si chiama la differenza che c'è tra farsi piacere una certa musica e avere passione, avere e condividere pathos per quella musica.
    Forse così è più chiaro, Walter. Anche perchè sul serio sarebbe stato peggio sapere di iniziative simili fattibili in Italia e vedere il disinteresse generale, e magari essere costretta a disinteressarmi io stessa perchè si sarebbe scelta Caltanissetta, in mezzo alla settimana e tra problemi personali e turni di lavoro sarei stata la I a lisciare l'evento...Era tutta la questione a non tornarmi non tanto il "loro sì e io no?"


    Effettivamente avevo capito male ... e avevo anche sottovalutato l'aspetto emotivo di tutti gli sguardi rivolti allo schermo e poi lo scambio degli sguardi compiaciuti tra gli spettatori. Sì, in questo siamo fan un po' pigroni, poco "crapuloni". Ma forse perché in Italia siamo anche più incasinati e stressati di altri, chissà ... In ogni caso: attendiamo il prossimo evento per rincontrarci, Ivy, e magari stavolta con più calma (Daniela mia a Milano aveva qualche problemino e non potevamo stare tanto, ora tutto risolto). Baci.W.
    giovanni.digiovanno
     
    Messaggi: 532
    Iscritto il: 27/02/2014, 16:18
    Località: Roma

Precedente


Torna a Audio e video




Informazione
  • Chi c’è in linea
  • Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite
cron