Tanto per sconfiggere calura e attese...


  • Nell'immobilità più totale, apro un inutile thread per dar due colpi di defibrillatore a questo forum.
    In fase di rehab marillica forzata e durata praticamente due mesi ()incredibile eh? però un paio di ricadute le ho avute per cercare video e audio del concerto di H con gli IB e Barbieri, per curiosità, trovandolo inferiore al concerto con gli stessi IB che preludeva l'uscita dell'album e che esiste in versione integrale su YT in registrazione audio/video pregevole!) ieri tornavo a riflettere su cosa mi sia mancato ascoltare, su cosa mi mancherebbe vedere e cosa mi augurerei di trovare nel nuovo album 19...
    Sorvolando sulle mie risposte chiedevo a voi: a vostro parere, dopo un quasi totale ripiegamento su temi sociali cosa conterrà il nuovo lavoro ? Insistereste sui temi socio-politici, tornereste a ripiegarvi su voi stessi e la vostra interiorità dopo un testo come WP che - a mio parere - segna l'aver mandato forzosamente in pensione il proprio lato emozionale avendo sottolineato meglio che in passato la presa di coscienza del proprio egocentrico istrionismo che ad una certa età per il proprio benessere psicofisico (e anche per un pò di pudore personale) è meglio accantonare? Cioè a 60 più che andati e spicci ce lo vediamo un H ricantarci ex novo - che ne so - una Waiting to happen? Ce lo rivediamo il gruppo tutto bissarci una El dorado o una The New Kings quando ormai tutto è stato detto? Riflettevo....e nella mia riflessione ho sciamanicamente avvertito il ritorno di testi vagamente ermetici perchè ormai nell'ultimo lavoro tutto è stato dal punto di vista politico e dal punto di vista sentimentale esplicitamente detto come mai prima!
    Secondo voi cosa conterrà il nuovo? Io spero solo che il climax ascendente non sia terminato....musicalmente non credo perché non fanno che migliorare. Mi preoccupo dei temi trattati. A mio parere solo un richiamo all'ermetismo, ai detto/non detto interiori può dare unb momento di stasi alla meraviglia non ripetibile dei testi di Fear e alla potenza sentimentale di almeno tre testi di Sounds....il resto sarebbe un "ripetersi" o uno "scadere" e basta (il virgolettato è d'obbligo perchè solo chi mi ha capita e conosciuta bene sa che questa per me è una "falsa" critica). PIi semmai, se questa discussione aprirà un mondo (difficile), tenterò di spiegare meglio cosa intendo...
    Torno in rehab!
    The medium wave
    Brought signals here from far away
    Your tender voice riding on the sea spray
    Something in the air
    For those who know the signs
    Something in the air
    A storm..
    Avatar utente
    ivy
     
    Messaggi: 862
    Iscritto il: 27/02/2014, 22:31


  • un disco tutto strumentale, vedi come ha fatto il BMS con Banco di Terra.
    Almeno a Roma, dopo la caduta dell'impero, qualche cosa di buono c'è stato.
    Avatar utente
    focus1rs
     
    Messaggi: 185
    Iscritto il: 01/03/2014, 10:16
    Località: cesena


  • Io H non ce lo vedo granchè a fare il sudoku mentre gli altri suonano e lui li accompagna qua e là fingendo di suonare una chitarra che ahimè non sa suonare o aiutando Mark a strimpellare la tastiera. Se è l'ennesima provocazione tanto per apparire ok, non penso ciò che dici sia applicabile ad un gruppo coeso come non mai in ormai quasi 30 anni far fuori un membro solo per far felice te e uno sparuto gruppo che si conterebbe su una mano. Ciò che mi sconvolge è che dopo 30 anni non ti sei arreso al fatto che la linea sia cambiata... Non torneranno quelli che in qualche modo ascoltavi, non saranno mai il genere di progressive che ami, un gruppo che ha dentro un Hogarth non accantonerà mai del tutto (ma neanche in parte) le parole a scapito delle melodie. Fattene una ragione come noi ci siamo fatti una ragione che a te i Marillion non piacciano. ;)
    Guardala così: cosa sarebbe La Traviata di Verdi senza libretto di Francesco Maria Piave? Melodia sublime da una parte, testo pregnante dall'altro ma due parti non avulse tra loro che si esaltano a vicenda...e anche il panino all'olio da solo si "intorsa giù per il gargarozzo" (traduzione: ti rimane appallottolato nell'esofago!): vuoi mettere con dentro la Nutella o burro e marmellata? Sii buono Focus, è Ferragosto...fa tanto caldo! :lol:
    p.s.: scusate errori e punteggiatura, sono con il cellulare
    The medium wave
    Brought signals here from far away
    Your tender voice riding on the sea spray
    Something in the air
    For those who know the signs
    Something in the air
    A storm..
    Avatar utente
    ivy
     
    Messaggi: 862
    Iscritto il: 27/02/2014, 22:31


  • Azz Ivy... A te non piacciono le domande semplici vero? :lol: :lol: :lol: :lol: Io sono l'ultima persona in questo forum che potrebbe rispondere a questa domanda... sono un ventenne che si lascia trasportare dalla loro magia e che non si aspetta nulla da loro... anche perché tanto loro non ci ascoltano... : Chessygrin : : Chessygrin : creano la loro Arte, sperando poi che al loro zoccolo duro di fan piaccia... E di passi falsi ne hanno fatti ben pochi. Ormai mi sono abituato a questa mentalità. Certo, a parte gli scherzi non mi dispiacerebbe sentire un paio di pezzi strumentali (Liquidity l'ho sempre trovata fantastica, mi ricorda uno dei miei artisti preferiti Apparat) ma, come hai detto tu Ivy, con H è un'opzione alquanto improbabile... quello che vorrei sentire è un concept. Se H avesse in cantiere una storia come quella di Brave sarebbe meraviglioso. La forza di questo album secondo me è proprio la fantasia, la storia di per sé se non è reale. Per questo Brave mi fa volare con l'immaginazione molto di più rispetto ad altri album... Ma come ho già detto non saprei dire che piega prenderà la loro evoluzione. Anagraficamente non ho potuto seguirli sin dall'inizio come voi quindi non posso analizzare più di tanto le scelte stilistiche, liriche ecc... anzi, sono ancora alla scoperta, alla ricerca di nuovi significati, chissà quanti ne troverò ancora... boh, non saprei. È un atto di fiducia, io aspetto pazientemente. Raramente mi hanno deluso e penso che neanche stavolta lo faranno.
    Un abbraccio

    Junior
    We are parties that travel
    Movies that move
    We will make a show
    And then we'll go
    We are the Leavers
    Avatar utente
    MAtteRILLION
     
    Messaggi: 428
    Iscritto il: 04/10/2016, 10:55
    Località: Pinerolo, (To)


  • Cara Ivy, mi hai preceduto per un pelo...sia nel dare la sveglia a questo forum, che ho colpevolmente lasciato languire per troppo tempo, sia per il tema che vuoi trattare.
    Personalmente ho la certezza che H non tornerà MAI PIU’ ai temi trattati nei suoi 20/30/40 anni. Come sai abbiamo fatto diverse chiacchierate e quindi parlo con cognizione di causa.
    La sua grandezza come autore è, secondo me, proprio la sua capacità di scrivere per l’età che ha e – ora come ora - anche il coraggio e la sfacciataggine di trattare temi davvero pericolosi per la ‘tranquillità’ della band. E la grandezza della band è stata APPOGGIARE INCONDIZIONATAMENTE questi temi.
    Ora, cosa potrà accadere? Il mio fiuto mi dice delle cose a livello personale che però non mi va di scrivere qui e spero di sbagliarmi…ma White Paper non sarà un episodio a se stante.
    Ciò che invece spero io dal punto di vista prettamente musicale, è un album CORAGGIOSO, che si allontani dal Prog che loro hanno RIDISEGNATO per l’ennesima volta e nel quale venga inserita della “elettronica intelligente” alla Peter Gabriel, con qualche momento più caotico, più violento, più acido di quelli finemente cesellati degli ultimi dischi.
    Un album che non abbia delle FORZATURE sui dieci e passa minuti, ma che sappia buttare fuori una The Answering Machine, se vogliamo. Un Radiation fatto meglio.
    Una inversione a U abbastanza prepotente ed aggressiva, insomma-
    Questo domando al Marillion19.

    Vedremo se ne avranno il coraggio.
    Avatar utente
    davethespace
     
    Messaggi: 1662
    Iscritto il: 26/02/2014, 23:49


  • Difatti Capo, datosi l'anacronismo totale della scelta di certe tematiche sentimental-intimistiche che sarebbero un palese rimestar nei ricordi di gioventù, in vecchi appunti e vecchi episodi, ciò che rimane è solo il continuare sul filone sociale (ambientale, politico, etc). In questo senso avevo preso una White Paper (che sai che sono una tra le poche che poco digerisce per motivi che non sto qui a dire) come una specie di epitaffio del concetto di individualismo, un dire "ok ho fatto e detto ogni cosa potevo e dovevo come personaggio privato, ora la mia funzione diventa mettere a soggetto ciò che mi circonda e non più me stesso" (in questo ultimo senso la trovo invece pregevole testo). Però riflettevo (ho avuto una rehab strana: non li ho ascoltati o visti ma il cervello ha continuato a farsi domande): secondo me non gliela fa'....dato anche i testi che usa per altri progetti ci siamo evoluti da un sentimentalismo e individualismo esplicito o metaforico (più o meno studiato ad arte) terminato finora con STCBM ad un diciamo e non diciamo che ancora sottintende certi temi con puntate al piagnisteo del nostalgico ricordo (il tutto detto con affettuosa falsa critica perchè io adoro il lavoro con gli IB), al riprendere il tema del dicotomico vivere nel porto sicuro della calma e accogliente vita domestica e l'intricato groviglio di un se stesso interiore che forse è meno placato di quanto dovrebbe (intendo in ricordi e in pensieri magari più che in opere e azioni: quanto cantato forse somatizza ed esorcizza il malessere e lo butta fuori come fosse un plateale "mea culpa" di queste due parti che son molto vicine a riaccostarsi e combacire l'una con l'altra ma che ancora non sono perfettamente allineate!). Sembro una pazza ma non lo sono. Penso a These chains e penso a The Love and the Affair (e agli anni in cui sono state scritte presumibilmente) e poi penso a Beyond you e penso a White Paper.....e per assurdo penso ad una Power e ancora ad una White Paper (e mi spavento, e molto della logicità del filo e del fatto che 2 + 2 fa sempre 4!)...non riesco ad essere più esplicita sennò parlo da sola per cinque pagine e qualcuno chiama l'esorcista perchè so che sarebbe difficile seguirmi nei richiami e negli apparentamenti tra le canzoni!
    Ho paura, paura che Album 19 rimesti nel torbido di temi socio-politici trattati da Fear non con la stessa dirompenza e veemenza e per noi inaspettata novità....ho paura che H al contrario di quanto tu vaticini continui a "farceli a peperini" con l'elogio del Prostamol e della Demenza senile incipiente mica perchè è vero che improvvisamente gli è caduto l'occhio sulla carta di identità eh, ma perchè ha deciso a tavolino da un anno all'altro che è così.... ho paura che il climax toccato da STCBM (perchè noi non se ne è più parlato qui o altrove perchè tendiamo a dimenticare ma quanto è bello quel lavoro? quanto diverso e inaspettato rispetto al precedente???) e culminato in Fear sia per forza destinato a scendere...

    Scettica invece sull'elettronica intelligente alla Gabriel: il "nuovo" pubblico, conquistato da STCBM e Fear non credo si aspetterebbe repentine (per loro) inversioni di tendenza rispetto a quanto assaporato da poco e il cambio rotta potrebbe non giovargli (che poi è un osservazione mentale solo mia: quando caxxo hanno scritto per compiacere pubblico e prima etichette discografiche questi? Falso problema pertanto!). Possibile tuttavia che Mark, vista l'accoglienza di TL e il superbo lavoro fatto, si spinga oltre...

    Al contrario tuo, Capo, io non domando nulla, mi stringo la coperta di Linus di alcuni caposaldi che non vorrei venissero scalfiti e snocciolo i grani del rosario: ci voglio passare la vecchiaia con questi, son stata presa per mano dalla tarda adolescenza e non vorrei sentirmi abbandonata proprio nel cammino....H e banda avranno pure l'età da Prostamol ma io son praticamente in età da Ymea Vamp per cui mi piacerebbe continuare a lungo l'avventura senza affanni di sorta!
    The medium wave
    Brought signals here from far away
    Your tender voice riding on the sea spray
    Something in the air
    For those who know the signs
    Something in the air
    A storm..
    Avatar utente
    ivy
     
    Messaggi: 862
    Iscritto il: 27/02/2014, 22:31


  • Grande Ivy....azioni il defibrillatore e ritorno in vita!!!
    Ero impegnato in ritiro spirituale tra cd e blu ray del concerto alla Royal...mamma mia che spettacolo!!
    Allora prendiamo un pochino di feddo con i pensieri per il nostro caro numero 19!!
    Allora musicalmente qualcosa di sinfonico con annessa orchestra non mi dispiacerebbe proprio e se ci aggiungiamo un bel concept il risultato e' fatto!! :P
    Trovo anche che l'idea di Dave di uno stile Radiation ( quindi un album più acido) potrebbe essere molto realistico.
    Il discorso della durata dei brani per me è indifferente...sono bravi sia sulle lunghe che sulle corte. Il discorso " dopo Fear hanno capito cosa vuole il fan" é relativo. Hanno sempre fatto quello che volevano: dopo Brave e Marbles sono usciti 2 dischi (stupendi) con brani relativamente corti e nessuna "classica suite".
    Devo dire che il "pensiero focus" adesso non è completamente errato. Visto anche in ottica dei concerti che seguiranno l'album e l'eta' dei signorini, un uso più pacato e centellinato di H non sarebbe un idea sbagliata.
    È vero che Mr.H strimpella la chitarra per gioco ma le tastiere le usa molto bene. Quindi un album con ampio spazio alla parte strumentale è la mia letterina a Babbo Natale.
    Per le liriche è piu difficile. Non saprei proprio.
    Direi un tema principale tratto da qualche libro.
    hollowman
     
    Messaggi: 324
    Iscritto il: 17/05/2016, 19:48


  • Cara romana, io ho le palle piene di Hogarth dai dischi dopo Marbles che rimane uno dei più bei dischi che hanno fatto, perché è prolisso, sempre fra i piedi lasciando poco spazio agli altri. E' possibile che in 18 dischi abbiamo fatto solo un pezzo alquanto breve strumentale.
    Sentiti i primi dischi del Banco, nonostante un fior di cantante, come si compongono i brani, altrimenti sento i cantautori non un gruppo musicale, perchè conosco anche Guccini,Lolli,De Andrè.

    https://www.youtube.com/watch?v=_uXxtsEC5ig
    Avatar utente
    focus1rs
     
    Messaggi: 185
    Iscritto il: 01/03/2014, 10:16
    Località: cesena


  • hollowman ha scritto: (....)
    Allora musicalmente qualcosa di sinfonico con annessa orchestra non mi dispiacerebbe proprio

    Si, questo mi piacerebbe...
    The medium wave
    Brought signals here from far away
    Your tender voice riding on the sea spray
    Something in the air
    For those who know the signs
    Something in the air
    A storm..
    Avatar utente
    ivy
     
    Messaggi: 862
    Iscritto il: 27/02/2014, 22:31


  • hollowman ha scritto:(....)
    Direi un tema principale tratto da qualche libro.

    Questo non mi piacerebbe affatto: esaurire la vena poetica al punto tale da dover prender del tutto spunto da un testo altrui per magari costruirci un concept raggelerebbe in me ogni passione per i testi che ne verrebbero fuori....
    The medium wave
    Brought signals here from far away
    Your tender voice riding on the sea spray
    Something in the air
    For those who know the signs
    Something in the air
    A storm..
    Avatar utente
    ivy
     
    Messaggi: 862
    Iscritto il: 27/02/2014, 22:31

Prossimo


Torna a Discussioni generali




Informazione
  • Chi c’è in linea
  • Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti
cron